località Ospizio

E' giunto al termine l'importante intervento edilizio realizzato dal Comune di Reggio Emilia in zona Ospizio per crea nuove opportunità abitative per anziani autosufficienti. Grazie a un finanziamento regionale e alla donazione della signora Annamaria Ternelli Gerra, è stata infatti completata in via Emilia Ospizio 89/1 una nuova palazzina che ospiterà 21  residenze destinate a ultrasessantacinquenni in buone condizioni di salute. L'intervento,  nato per ampliare l’offerta di alloggi di edilizia agevolata convenzionata, offrirà ad anziani autosufficienti la possibilità di accedere a soluzioni abitative di elevata qualità – tutte in classe energetica A e avanzate dotazioni domotiche - a prezzi d'affitto inferiori agli attuali standard di mercato.
L'intervento, che ha richiesto un investimento di circa 2,5 milioni di euro, è parte del Pru- Programma di rigenerazione urbana di Ospizio che porterà alla progressiva trasformazione dell'area dove un tempo sorgevano la casa di riposo e la biblioteca di Ospizio e che dalla via Emilia si estende fino al Parco degli ippocastani.

GLI ALLOGGI – La palazzina che ospita gli alloggi si sviluppa su sei piani, oltre a un piano interrato riservato alle cantine e ad alcuni spazi tecnici e di servizio. Ai 5 piani superiori sono collocati 4 alloggi per piano, per complessivi 20 alloggi di metrature variabili tra i 56 e i 60 metri quadrati, serviti da ascensore. Il piano terra è dedicato a funzioni comuni e collettive attraverso una sala polivalente, uno spazio per la lettura, una guardiania oltre a un appartamento attrezzato e riservato per disabili. Gli alloggi sono di due differenti tipologie: la prima si compone di un'ampia zona pranzo-soggiorno, una camera singola e una camera doppia, bagno con disimpegno; la seconda è dotata di cucina abitabile con annessa dispensa, soggiorno, camera doppia, bagno con disimpegno. Tutti i soggiorni e le camere da letto degli appartamenti hanno accesso diretto ai loggiati che si affacciano sul retrostante parco degli ippocastani.
Il progetto degli alloggi, nato nel rispetto delle normative in materia di abitazioni per anziani, si caratterizza per l'alta efficienza energetica che lo colloca in classe A e per le soluzioni domotiche adottate. Considerato che i nuclei famigliari destinatari degli alloggi apparterranno a fasce di reddito medio basse, è stato infatti reputato necessario garantire un'ottima prestazione energetica al fine di ridurne i costi di gestione.
Il fabbricato è caratterizzato da una particolare e avanzata dotazione per quanto riguarda gli impianti meccanici: riscaldamento a pavimento alimentato a mezzo pompe di calore affiancate al teleriscaldamento, impianto fotovoltaico, impianto solare termico, impianto di climatizzazione con sistemi a flusso refrigerante variabile. L'involucro costruttivo garantisce inoltre idonei valori di trasmittanza (utilizzo di materiali isolanti per le pareti, serramenti in pvc con ottime prestazioni di trasmittanza termica e abbattimento acustico, schermature e ombreggiamenti sulle facciate con maggiore esposizione solare).
L'edificio presenta un’elevata dotazione di elementi di domoticalegati agli impianti elettrici e speciali, quali rivelazione incendi, antintrusione, allarme bagni, impianto videocitofonico a colori digitale con portiere, impianto antenna Tv/Sat, telesoccorso, gestione con controllo badge, impianto di supervisione, comando tapparelle motorizzate.